Perché usare pallet EPAL non originali… Se costano di più?

Perché usare pallet EPAL non originali… Se costano di più?

Postato da: nicolo
Categoria: Articoli

EPAL è sinonimo di pallet di qualità e sicurezza. Spendere meno per bancali “taroccati” mette in pericolo la tua azienda e anche le persone.

In circolazione ci sono oltre 450 milioni i pallet e 20 milioni i box pallet EPAL, un vero e proprio brand che rappresenta valori positivi come affidabilità, efficienza, riconoscibilità, prevenzione dei rifiuti.

Come tutti i marchi che hanno una reputazione riconosciuta, anche a livello internazionale, anche EPAL è purtroppo soggetto al problema della contraffazione.

EPAL International predispone misure di prevenzione della contraffazione, tra le quali anche alcuni documenti e linee guida per tutti gli operatori della supply chain; i comitati nazionali (in Italia, Conlegno) si occupano poi della tutela del marchio a livello nazionale; i licenziatari sono invitati a pubblicare le loro licenze sui propri canali di comunicazione, in particolare sui siti web aziendali.

Quali pallet EPAL si possono definire contraffatti?

Sono quei bancali riportano il marchio “EPAL in ovale”, ma che non sono stati prodotti da un’azienda in possesso di regolare licenza necessaria.

La contraffazione può avvenire non solo durante la fase di produzione dei pallet, ma anche dopo, quando a bancali privi in origine di marchiatura sui blocchetti angolari viene apposto il contrassegno EPAL in un secondo tempo.

Come riconoscere un pallet EPAL non originale

Come per altri tipi di prodotto, anche il pallet EPAL tarocco può essere riconosciuto per la mancanza di requisiti standard richiesti dalla licenza. Presentano di solito una o più difformità come le seguenti:

  • Manca della graffa di controllo
  • Manca o è incompleto il numero identificativo della licenza
  • È falso il numero identificativo della licenza o c’è una discrepanza tra questo numero e le indicazioni presenti sul pallet
  • Manca o è incompleta la marcatura IPPC/ISPM 15
  • Non è conforme la marcatura “EPAL in ovale”
  • I chiodi usano non sono omologati, non hanno cioè la marcatura sulla testa del chiodo)
  • La posizione dei chiodi non è conforme
  • Il pallet presenta difetti di qualità

Come vengono messi in circolo i “pallet taroccati”

Alcune delle tecniche più usate sono messe in pratica in abbinamento all’ordine di pallet usati:

  • Nonostante l’ordine si riferisca a pallet usati, si ricevono pallet nuovi o come nuovi; 
  • Tra i pallet usati consegnati, ci sono un numero cospicuo pallet nuovi senza segni di scolorimento del legno

Cosa fare per non ricevere EPAL contraffatti

Il modo più sicuro per non incorrere in fregature e prodotti scadenti o non conformi, è acquistarli da un’azienda con licenza EPAL, come la nostra.

Questa la raccomandazione di EPAL sia per gli utilizzatori sia per i licenziatari ed l’unico modo per far si che EPAL possa assistere l’acquirente nel far valere i propri diritti in caso di acquisto non conferme.

E se il venditore da cui stai comprando non ha un licenza EPAL?

Se acquisti dei pallet EPAL nuovi da un’azienda priva di licenza, è bene prevenire. Chiedi subito al venditore, prima di effettuare l’ordine, quale licenziatario EPAL fornisce
i pallet e/o chiedi di vedere i bancali oggetto dell’ordine, con una prova della consegna.

Nell’ordine chiedi esplicitamente l’obbligo di fornire pallet EPAL originali (“europallet originali EPAL”) e che eventuali pallet contraffatti saranno rifiutati e respinti.

L’ideale sarebbe ispezionare e controllare i pallet dovrebbero essere ispezionati durante il carico prima del trasporto, ma non sempre è possibile, soprattutto se si compra dall’estero.

Potresti allora chiedere al venditore di inviarti delle foto delle file di pallet durante il carico, con la marcatura sul blocco centrale sia ben visibile.

Al momento della consegna e dello scarico dei pallet potrai controllare se effettivamente la merce consegnata ha le caratteristiche corrispondi alle foto che hai ricevuto.

Non badare solo al prezzo

Come difficilmente puoi comprare una poco Lacoste a trenta euro, lo stesso vale dei pallet originali EPAL. C’è sicuramente puzza di bruciato se ti vengono offerti dei bancali in legno EPAL a un prezzo molto più basso del prezzo di mercato, magari anche con la consegna gratuita.

Stai inoltre attento all’affidabilità del fornitore, controlla i dati dell’azienda, se ha un sito web, se all’indirizzo riportato corrispondono effettivamente degli edifici commerciali (puoi usare Google Maps come aiuto).

Se acquisti da un venditore senza licenza EPAL, non pagare mai in anticipo il tuo ordine. In caso ricevessi pallet contraffatti, sarebbe difficile rivalerti dei confronti di un azienda straniera, per esempio, per via dei costi delle pratiche legali.

Cosa succede ai pallet contraffatti?

Se in fase di consegna, ad esempio durante i controlli delle autorità doganali o le verifiche interne, venisse riconosciuti dei pallet contraffatti, ne verrebbe ordinata la distruzione.

Attenzione: Il produttore dei pallet contraffatti è l’unico responsabile

Chi produce e commercializza pallet EPAL contraffatti incorre nelle conseguenze legali di viola la protezione di un marchio registrato e tutelato dalla legge, in questo caso a livello internazionale.

La violazione del marchio è anch’essa un reato, perciò si può essere denunciati.

Le conseguenze legali sono le stesse anche per chi possieda, offra, venda o consegni pallet EPAL contraffatti.

Pallet EPAL originale: i 10 consigli di Conlegno

Ecco la lista di consigli sui pallet EPAL, per acquisti e riparazioni, del consorzio Conlegno:

  • I pallet nuovi devono riportare il marchio EPAL sui quattro blocchetti laterali;
  • Il marchio IPPC/FAO deve essere apposto sul blocchetto centrale;
  • I chiodi devono rispettare la disposizione standard;
  • Le tavole inferiori devono essere smussate;
  • I pallet nuovi devono riportare la graffa di certificazione con la sigla di qualità EPAL;
  • I pallet riparati devono riportare il chiodo di controllo della riparazione con sigla EPAL;
  • Diffidare dei pallet EPAL venduti a un prezzo troppo competitivo;
  • Diffidare dei pallet di dubbia provenienza;
  • È fondamentale rivolgersi a produttori e riparatori licenziatari del marchio EPAL: https://epal.conlegno.eu/aziende-autorizzate
  • È fondamentale rivolgersi a produttori e riparatori autorizzati a utilizzare il marchio IPPC/FAO FITOK

Non è solo una questione di marchio

I pallet contraffatti hanno di solito notevoli carenze strutturali e di qualità complessiva che possono mettere a repentaglio la sicurezza della merce, la logistica dei trasporti e la stessa concorrenza del mercato, a scapito delle aziende licenziatarie che rispettano le regole.

Scegli pallet EPAL originali da aziende licenziatarie, correrai meno rischi e, alla fine, spenderai anche di meno.

Lascia un commento